Vi vogliamo raccontare che cosa sono le foglie di Buddha, il naturale decoro racchiuso in molte porte a vetro Cristal, e per farlo dobbiamo spostarci, almeno con il pensiero, a migliaia di chilometri e a qualche secolo di distanza.

Da dove provengono le foglie di Buddha scelte da Cristal?

Le foglie di Buddha scelte da Cristal come decoro per le porte a vetro sono foglie naturali disidratate di elevata qualità, che trovano la loro origine in estremo oriente. Le foglie di Buddha, naturale e prezioso elemento di decorazione a forma di cuore, nascono nella terra d'India e appartengono al fico sacro o Ficus religiosa, albero sacro al buddhismo. Si narra infatti che proprio sotto ad uno di questi alberi, in seguito definito Bodhi tree, Siddharta in meditazione visse la sua esperienza dell'illuminazione.

Come vengono lavorate?

La bellezza delle foglie cordate di Buddha si preserva attraverso uno speciale processo di disidratazione applicato alle foglie fresche. Anche dopo questo trattamento infatti, le foglie mantengono la loro intatta e ricca struttura tramata e la caratteristica forma a cuore.

Le foglie di Buddha nelle porte a vetro Cristal

La speciale unicità delle foglie di Buddha viene racchiusa tra due lastre di vetro unite saldamente dalla stratificazione, un processo che segue rigorose fasi sino ad ottenere un risultato finale d'effetto. Una lavorazione precisa contribuisce alla realizzazione di un prodotto estremamente robusto, dove gli elementi decorativi all'interno delle lastre di vetro rimangono protetti nel tempo, conservando il loro originale effetto naturale.

Ogni porta in vetro Cristal è certificata nel rispetto delle normative europee ISO EN UNI 12543-4 per offrire il massimo livello in termini di sicurezza. Le porte Cristal sono personalizzabili e disponibili nelle diverse varianti: battente, scorrevole esterno ed interno muro, a vento.

Scopri tutte le soluzioni d'arredo che Cristal può realizzare per te!

Leila Delizia Agena Evoluzione.jpg Karma.jpg Evoluzione-A.jpg Ricordi-B.jpg Ricordi-A.jpg Laerte.jpg